IL CINEMA RITROVATO Ventunesima edizione

de4bdfc992d9c495a23404e4299b7b1a.jpg

 

XXXVI
Mostra internazionale del Cinema Libero
IL CINEMA RITROVATO
Ventunesima edizione
30 giugno – 7 luglio 2007

Il Cinema Ritrovato, otto giorni dedicati alla pura passione per il cinema e alla sua favolosa varietà. Dall’eloquenza del muto allo spettacolo del CinemaScope, passando attraverso il fascino di film da scoprire, oggi, in nuovi restauri.

PRESENTAZIONE

Il Cinema Ritrovato, festival promosso dalla Mostra Internazionale del Cinema Libero e dalla Cineteca del Comune di Bologna, invita gli appassionati di cinema di tutto il mondo a Bologna, da sabato 30 giugno a sabato 7 luglio 2007.

Alla sua ventunesima edizione, Il Cinema Ritrovato propone nuovi percorsi tra film sconosciuti, misconosciuti, riscoperti e restaurati; raccoglie in una sola settimana molti dei recenti restauri internazionali, in arrivo dai principali archivi pubblici e privati del mondo, fornisce un fertile terreno d’incontro e discussione tra storici, studiosi e archivisti, e si fa vetrina delle più avanzate tecniche nel campo del restauro cinematografico. Ancora una volta, scorrerà davanti agli occhi del pubblico affezionato e nuovo una straordinaria galleria di cineasti, registi come Raffaello Matarazzo, Sacha Guitry, Michael Curtiz, tesori di genere (il melodramma, il western). Il tempo del Cinema Ritrovato coincide con il tempo del cinema, dalle origini (la serie 1907) fino al presente, e tra un capo e l’altro rarità splendide e fragili come ciò che è ormai la nostra ‘specialità’, la presentazione dei grandi formati (in una sala straordinariamente adatta al cinema di ‘quei tempi’ come l’Arlecchino), formati già oggi quasi inaccessibili nella loro originale ‘misura’, e a serio rischio di sparire per sempre. Angeli custodi del festival saranno due degli attori più grandi del cinema muto (e del cinema tutto): Charles Chaplin e Asta Nielsen.

Un festival dunque più che mai sotto la stella di Charlie Chaplin, del quale ricorre quest’anno il trentennale della morte. La Cineteca di Bologna mette in campo cinque mesi di iniziative chapliniane, che avranno il loro culmine proprio nelle giornate del Cinema Ritrovato. Sarà l’anno infatti delle ultimissime comiche Keystone appena restaurate; di A Countess from Hong Kong, l’ultimo film diretto da Chaplin, film troppo a lungo sottovalutato; di grandi serate orchestrali che riporteranno sullo schemo The Kid, The Gold Rush (la rara versione originale muta) e infine Modern Times – un film che, visto dal vivo e in quella sorta di focus prodotto dall’accompagnamento musicale, ci si svela per quel che è davvero, il più stupefacente prodotto artistico del ventesimo secolo. L’intenzione è portare a massima evidenza l’essenza dei diversi periodi dell’attività di Chaplin, presentata dai più grandi specialisti chapliniani, a partire da David Robinson e Kevin Brownlow (il cui Unknown Chaplin, straordinario ritratto di director at work, verrà mostrato nelle condizioni ideali di visione).

La retrospettiva Asta Nielsen, curata da Karola Gramann, è l’anello che ancora mancava nella ricostruzione d’una splendente catena divistica che Il Cinema Ritrovato ha cominciato nel 1996, con Rodolfo Valentino. Nielsen è la “figlia di Baudelaire”, la “Sarah Bernhardt del Nord” (nelle poetiche definizioni di Henri Langlois), interprete di melodramma e tragedia come di commedia e farsa, attrice di versatilità e intensità tali da far affiorare con forza, nelle sue storie, i temi del sesso, della violenza e di complesse ribellioni morali. Punte di diamante della rassegna, il nuovo restauro del suo epocale Amleto e la copia a colori di Zapatas Bande. I materiali più antichi arrivano dal 1907, quinto anno d’una serie ‘cinema di cent’anni fa’ che abbiamo cominciato a esplorare nel 2003. Anche questa edizione sarà curata da Mariann Lewinsky. Gli omaggi dedicati ai registi celebrano tre personalità di grande fascino, cineasti in modi diversi sottovalutati ai loro tempi e recuperati oggi agli onori della storia del cinema: Michael Curtiz, Sacha Guitry e Raffaello Matarazzo.

I muti americani di Michael Curtiz sono, a sorpresa, assai meno conosciuti dei suoi sopravvissuti muti europei. Potremo vedere autentiche rarità quali The Third Degree e il restauro di Noah’s Ark. A seguire, i migliori esiti del primo Curtiz sonoro: il melodramma The Strange Love of Molly Louvain, The Case of the Curious Bride, Jimmy the Gent (un film che rappresenta al meglio la velocità, la brillantezza e lo stile registico di casa Warner Bros) e, sorpresa più grande di tutte, The Cabin in the Cotton, uno dei rari film dell’epoca capace di sostenere fino in fondo una visione sociale dura, senza sconti o compromessi.

Film come Faisons un rêve e Bonne chance valgono come migliori prove dell’altissimo livello di stile e linguaggio subito raggiunti da Sacha Guitry, commediografo che debuttò nel cinema a cinquant’anni, nei tardi anni Trenta; Le Comédien e La Malibran sono perle scelte nel corpus dei conflittuali anni Quaranta; all’ultimo periodo, contrassegnato dai grandi spettacoli storici, appartiene l’ironico e complesso La vie d’un honnête homme (1953), film reso ancor più straordinario dalla magnetica presenza d’un grande attore come Michel Simon qui, addirittura, in due-ruoli-al-prezzo-di-uno! Questa sezione sarà curata da Sandra Marti ed Eric Le Roy, in collaborazione con Archives Françaises du Film.

Raffaello Matarazzo, autore così poco conosciuto al pubblico non italiano (con l’eccezione di un selezionato gruppo di cinefili francesi), raccoglieva gigantesche platee nell’Italia degli anni del neorealismo – rispetto al quale, peraltro, il cinema di Matarazzo si pone insieme come sfida e complemento, nella sua comprensione profonda e originale dei segreti meccanismi della società e delle sue emozioni. L’omaggio a Matarazzo comincerà con il suo primo film, che è anche il primo film musicato da Nino Rota, il delizioso Treno popolare (1933), e procederà inoltrandosi nell’età d’oro del melodramma matarazziano, in quegli anni Cinquanta nei quali il regista affidò la sua bruciante appassionata visione del mondo al lavoro d’una carismatica coppia d’attori, Amedeo Nazzari e Yvonne Sanson; realizzarono insieme sette film, da Catene a Tormento ai Figli di nessuno, mentre i fan dell’hitchcockiano La donna che visse due volte – sempre in cerca di predecessori – proveranno il brivido della scoperta inattesa vedendo il tardo capolavoro L’angelo bianco (1955)…

Ad accompagnare la retrospettiva Matarazzo è previsto uno sguardo sul melodramma internazionale degli anni Quaranta e Cinquanta. Si comincerà dal più classico dei maestri, Frank Borzage, in un film che testimonia un talento potente e qui profondamente conturbante, I’ve Always Loved You; quindi un mélo britannico di produzione Gainsborough, The Man in Grey, e un capolavoro messicano come Enamorada di Emilio Fernandez. Altri film, di non minore impatto: L’étrange Madame X di Jean Grémillon, Girl with Hyacints di Hasse Ekman, che costituisce quanto di più vicino a Citizen Kane il cinema svedese abbia mai realizzato; e Cross of Love, una delle versioni del Mastro di posta di Puskin, diretto con furioso talento dal finlandese Teuvo Tulio.

Atteso e gioioso sarà come sempre l’incontro con i grandi film in CinemaScope proiettati all’Arlecchino: da Violent Saturday (Sabato tragico) di Richard Fleischer a Party Girl (Il dominatore di Chicago) di Nicholas Ray, da Battle Hymn (Inno di battaglia) di Douglas Sirk a China Gate (La porta della Cina) di Samuel Fuller, da The Court Martial of Billy Mitchell (Corte marziale) di Otto Preminger a The Last Hunt di Richard Brooks (L’ultima caccia) più due film presentati nel raro stereo magnetico originale della Fox: Warlock (Ultima notte a Warlock), il tormentato western di Edward Dmytryk, e Flaming Star (Stella di fuoco), ovvero Elvis visto con gli occhi di Don Siegel.

Gli ultimi tre film sopra citati sono western, e saranno materia di un ‘western day’ che includerà anche Way Out West, probabilmente il migliore dei film di Laurel&Hardy finalmente restaurato, come anche Per qualche dollaro in più, titolo chiave nella storia dell’italowestern.

Nella sezione dei Ritrovati e restaurati, quest’anno più ricca che mai, grandi cineasti del cinema muto: Lubitsch (Als Ich Tot War, 1916), von Stroheim (il restauro austriaco di Blind Husbands, 1919), De Mille (Dynamite, 1929), Stiller (Madame de Thèbes, 1915). Ancora tra i silents, Schatten der Weldtstadt (Willi Wolf, 1925), A Strong Man (film polacco di Henryk Szaro, 1929), e più stuzzicante di tutti lo svedese The Spring of Life (Paul Garbagni, 1912) con la sacra trinità riunita di Sjöström, Stiller e af Klercker! Dal muto italiano, infine, i restauri dell’Inferno e dell’Odissea (entrambi di Bertolini-Padovan, 1911) e di Maciste imperatore (Guido Brignone, 1924), e l’inizio del progetto Ghione.

I restauri sonori consentiranno di rivedere film miliari della storia del cinema in forme e versioni non più disponibili da decenni o totalmente inedite: Dr. Strangelove di Kubrick, Anatomy of a Murder di Preminger, e il film forse più grande di John Cassavetes, Faces. E ancora un paio di notevolissimi titoli da epoche diverse: No Greater Glory di Borzage (1934) e The Strange One, primo film di John Garfein ed elettrizzante esordio sullo schermo di Ben Gazzara.

Il festival organizza anche quest’anno la Fiera dell’Editoria Cinematografica (libri, DVD, antiquariato) e Il Cinema Ritrovato DVD Awards (quarta edizione).

Ci piace ricordare che alcuni momenti del programma del Cinema Ritrovato faranno parte del percorso formativo della Film Restoration Summer School / Fiaf Summer School 2007 che si terrà a Bologna durante tutto il mese di luglio. Il Cinema Ritrovato è nato come festival delle cineteche, siamo felici e orgogliosi che possa aiutare gli archivi nella formazione dei restauratori di domani.

Vorremmo inoltre dedicare una parola conclusiva e sentimentale alla bellezza delle serate in Piazza Maggiore, che da anni ormai raccolgono fino a 5000 spettatori.

Questo e molto altro ancora vi aspetta a Bologna !
Con l’auspicio di vederci a Bologna, i nostri migliori saluti.

Il Direttore Artistico
Peter von Bagh

Il Presidente
Gian Paolo Testa

CONTATTI


Cineteca di Bologna

Tel.: 051 2194826 – cinetecadirezione@comune.bologna.it

Coordinatore del festival: Guy Borlée
Tel.: 051 2194813 – guy.borlee@comune.bologna.it

Segreteria del Festival – Ufficio ospitalità e accrediti
Tel. 051 2194814 – Fax 051 2194821
cinetecamanifestazioni1@comune.bologna.it

Ufficio stampa
Tel. 0512194831 – Fax 051 2194821
cinetecaufficiostampa@comune.bologna.it

Luoghi.pdf

IL CINEMA RITROVATO Ventunesima edizioneultima modifica: 2007-05-26T15:50:00+02:00da ccbologna
Reposta per primo quest’articolo